Zaniolo: Tranquilli, infortunio frutto della casualità

Zaniolo: Tranquilli, infortunio frutto della casualità

"Atleta già operato è più forte, la preparazione non c'entra"

Solutions Manager
  • "Atleta già operato è più forte, la preparazione non c'entra"
  • (ANSA) - ROMA, 08 SET - "C'è un numero considerevole di calciatori che sono già stati operati e poi sono incappati in un altro infortunio. I tempi di recupero, però, non c'entrano, perché i protocolli ormai sono standardizzati. L'unica spiegazione è legata al caso: chi ha subito un trauma una prima volta, può subirlo anche una seconda volta. Non credo ci sia una correlazione diretta con l'intervento chirurgico, anzi ritengo che l'intervento stabilizzi bene il ginocchio, irrobustendolo e preservandolo". Così Carlo Tranquilli, specialista in medicina dello sport, ex medico della nazionale Under 21, analizza, parlando con l'ANSA, il secondo infortunio al crociato del romanista Nicolò Zaniolo.
        "L'atleta operato spesso è più forte di quello non operato - aggiunge - diventa quasi invulnerabile. Se dovessi scegliere fra un calciatore che è già stato operato al legamento del ginocchio e un altro, sceglierei il primo. Mediamente il primo è più preparato del secondo. Questo tipo di infortuni sono frutto del caso. Non c'entrano i tempi di recupero o la preparazione. I tempi di rimessa in campo sono standardizzati: mediamente un calciatore, dopo un intervento di ricostruzione del crociato, torna in campo dopo 100 giorni per il lavoro di recupero funzionale e, nei mesi successivi, lavora per riprendersi dal punto di vista della velocità, della forza e della coordinazione".
        "Fino a prova contraria, si tratta di infortuni frutto della casualità. I calciatori sono super-controllati e hanno le maggiori garanzie", conclude. (ANSA).