Torino: Juric, chiudiamo bene poi tanto da fare

Torino: Juric, chiudiamo bene poi tanto da fare

Ad Empoli prove futuro con Pellegri davanti.In dubbio Bremer

Solutions Manager
  • Ad Empoli prove futuro con Pellegri davanti.In dubbio Bremer
  • (ANSA) - TORINO, 30 APR - L'attualità si chiama Empoli, ma l'attenzione di Ivan Juric comincia a spostarsi sul futuro del Torino. "In estate ci saranno tante cose da fare", annuncia il tecnico granata alla vigilia della trasferta in Toscana, quart'ultima partita della stagione. "Siamo concentrati sul finale di stagione, poi faremo tutte le valutazioni del caso - aggiunge - ma sicuramente avremo tanto lavoro: nel mercato, inoltre, non sai mai chi possa andare via". E su due dei big granata restano enormi punti interrogativi: Belotti continua ad avere il contratto in scadenza e Bremer sta seriamente pensando di provare il salto in una big.
        Ad Empoli il difensore potrebbe non esserci nemmeno: "Il Gallo non partirà titolare - l'annuncio di Juric in vista della gara di domani al 'Castellani' - e il difensore è da valutare perché non si è allenato per un problema alla caviglia". Al Castellani potrebbero così cominciare le prove di futuro senza i due leader, con Buongiorno piazzato in mezzo al terzetto difensivo e Pellegri alla prima chance da titolare. "Penso proprio che comincerà lui, voglio dargli un'opportunità", la scelta offensiva per cercare il sesto risultato utile consecutivo. Già a quota cinque i granata hanno centrato il record stagionale come striscia più lunga, ora il tecnico cerca ulteriori conferme.
        "L'obiettivo è proseguire su questa strada, voglio andare avanti nel processo di crescita e di continuità", è la richiesta di Juric ai suoi ragazzi. E potrebbero esserci altri rientri importanti: "Mandragora sta bene e penso giochi dal primo minuto, ci sarà anche Brekalo mentre su Praet voglio ancora vedere il suo percorso di recupero dopo gli sforzi di Bergamo", le altre scelte anti-Empoli. Sul portiere, invece, "non ho ancora deciso - ammette il croato - perché contro l'Atalanta avevo bisogno dei lanci lunghi di Vanja, adesso devo valutare: fino allo stop di qualche settimana fa, Berisha era in vantaggio su Milinkovic-Savic nelle gerarchie". (ANSA).