Lega Pro:Ghirelli, voglio riforma campionati e sostenibilità

Lega Pro:Ghirelli, voglio riforma campionati e sostenibilità

Programma presidente uscente per nuovo mandato. Martedì il voto

Solutions Manager
  • Programma presidente uscente per nuovo mandato. Martedì il voto
  • (ANSA) - ROMA, 10 GEN - Riforma dei campionati e sostenibilità economica: sono i perni del programma di Francesco Ghirelli, presidente uscente di Lega Pro e candidato al rinnovo della carica nell'assemblea nazionale che si terrà a Roma martedì 12 gennaio.
        "La mia candidatura -spiega Ghirelli, il cui programma è stato sottoscritto dai suoi vice Luigi Ludovici e Marcello Vulpis- non è volta a completare un percorso, ma a trasformare la Serie C".
        Dopo aver ricordato i risultati del suo primo mandato, specialmente in relazione ai tanti problemi di ordine sportivo, sanitario e economico posti dalla pandemia, Ghirelli sostiene che "la scelta della riforma dei campionati è irrinunciabile e per far prevalere l'interesse generale, di sistema del calcio italiano, va conferito mandato al Presidente Federale. La Serie C è un patrimonio forte e originale del calcio italiano e, ora, è in grado di stare alla pari nel confronto che si aprirà dopo la fase elettorale". Secondo il presidente ricandidato "non sarà sufficiente la riforma dei campionati per riprendersi: dovremo trovare una nuova formula per il campionato e cogliere l'occasione della crisi per ragionare sulla formula attuale dei campionati, dando più spazio a playoff e playout". Ghirelli punta soprattutto a un forte sostegno alla tenuta economica dei club, settore che ha un impatto di 580 milioni annui sull'economia del Paese. Chiede la modifica della Legge Melandri e poi misure da chiedere al governo". Ghirelli punta a norme fiscali, "giusta la dilazione ma non sufficiente. Occorre un rientro a lunghissimo termine e una seppur parziale sanatoria"; di liquidità, per i club "le stesse condizioni delle pmi"; di credito di imposta, per una proroga "almeno fino a fine campionato". Ghirelli vuole anche le partite in streaming, il merchandising, l'incremento dei ricavi dagli sponsor, la digitalizzazione degli stadi. Un capitolo a parte per le regole e la difesa dai crac e dal possibile 'ingresso di banditi'.
        (ANSA).