Calcio: Udinese; Cioffi, a Firenze per raccogliere punti

Calcio: Udinese; Cioffi, a Firenze per raccogliere punti

Il tecnico allena per la prima volta nella sua città d'origine

Solutions Manager
  • Il tecnico allena per la prima volta nella sua città d'origine
  • (ANSA) - UDINE, 26 APR - "Siamo consapevoli delle difficoltà della partita ma determinati e con la volontà di strappare punti su un campo difficilissimo". Lo ha assicurato Gabriele Cioffi, alle telecamere di Udinese Tv, alla vigilia della trasferta di Firenze.
        "La squadra sta bene sia mentalmente che fisicamente - ha proseguito -. Faremo 5 gare in 15 giorni quindi la cosa più importante sarà gestire la fatica mentalmente, mantenere alte le energie nervose per restare in partita e leggere bene il momento. In sintesi, possiamo permetterci un piccolo calo atletico ma dovremo compensare con il 200% di attenzione".
        Il tecnico dei friulani si aspetta una Fiorentina "coraggiosa che attacca e gioca per vincere in un ambiente infuocato. Basti pensare che, se non avesse perso a Salerno, la Fiorentina sarebbe stata in piena corsa per la Champions League e, quindi, ci si può solo che aspettare una bolgia".
        L'ultimo successo dell'Udinese al Franchi risale al novembre 2007, da quel momento una serie ininterrotta di sconfitte.
        "La Fiorentina su 17 partite in casa ne ha vinte 11 - ricorda Cioffi -. Ha avuto degli scivoloni all'inizio contro Inter e Napoli e, recentemente, con la Lazio a febbraio. Il Franchi, pertanto, è sempre un campo difficile, cercheremo di fare più del massimo".
        Il tecnico bianconero è originario proprio di Firenze, dove arriva per la prima volta da capo allenatore in serie A: "E' una partita emozionante, diversa dalle altre perché Firenze è la mia città - ammette -. Mio nonno mi raccontava che, nella pausa dal lavoro di autista dei pullman, andava a vedere le partite. Ho negli occhi la Fiorentina di Rui Costa, Batistuta, Trapattoni, della Champions, dei tempi di Roberto Baggio ma anche della partita contro il Benevento subito dopo la tragedia di Astori.
        Sarà, quindi, una partita certamente non come le altre ma solo fino al fischio di inizio, da quel momento l'Udinese avrà 100 minuti per dimostrare che vuole i punti e per strapparli servirà una grande partita di volontà e sacrificio". (ANSA).